L’amore per la Natura è stato un punto cardine nella mia vita fin dall’età di 8-9 anni, ricordo ancora i disegni sulla morfologia delle formiche o di altri insetti; amore che si è evoluto sempre con la stessa idea e determinazione, sempre accompagnato dalla voglia di intraprendere un percorso di studi che mi avrebbe fatto conoscere e apprezzare quella che oggi conosco come biodiversità. Era inevitabile che proseguissi i miei studi in ambito scientifico, per arrivare ad iscrivermi alla facoltà di Scienze Naturali dell’Università della Calabria; momento nel quale più o meno contemporaneamente nasceva la passione per la fotografia, la voglia di immortalare, congelare la vita che sta intorno a noi.

Ecco che nel 2009 acquistai la mia prima reflex. Iniziai subito a sfogliare libri di tecnica fotografica, a documentarmi a capire come imparare al meglio questa nuova arte verso la quale mi ero lanciato. Nel primo periodo sembrava tutto nuovo, poter immortalare attraverso un sensore quello che i miei occhi vedevano era un’emozione del tutto nuova.

Sin dall’età adolescenziale la Musica è stata un’altra componente presente nella mia vita, iniziai ad imparare a suonare la batteria senza possederla a casa, mi riunivo direttamente in sala prove con gli altri componenti delle band, che ad oggi risultano essere state circa 30 differenti. Oggi come oggi dal 2011 anni ad oggi l’unica di cui faccio parte porta il nome di Enuclipse, abbiamo all’attivo due album autoprodotti 2011 e 2012 rispettivamente, e qualche centinaio di copie vendute nella provincia di Cosenza.

Così come per la Musica anche con la fotografia ho fatto tutto da autodidatta, ho seguito qualche workshop sporadico in passato e tra Novembre 2015 e Gennaio 2016 un corso di formazione professionale in fotogiornalismo ambientale e naturalistico organizzato dalla Bluocean SRL di Reggio Calabria in collaborazione con la Regione e patrocinato da National Geographic Italia. Mi ha cambiato il modo di fare e vedere Fotografia, è stato molto utile e formativo. Corso per il quale abbiamo preparato un reportage finale da portare all’esame al termine del quale ho ottenuto la qualifica di Fotogiornalista Ambientale e Naturalistico.

Dal 2010 a ad oggi sono socio della Sezione Lipu di Rende, un’associazione impegnata nella salvaguardia della Natura che è come una seconda famiglia, si fa tutto soltanto per l’amore incondizionato verso la Natura, verso quello che ci circonda. Mantenere viva la memoria dei luoghi è assicurarsi un futuro nel quale non vadano perse le speranze. Quelle speranze di poter ritornare verso un’etica rispettosa dell’ambiente, verso una continua e sgorgante passione di visitare e conoscere il nostro territorio, che vada dai bambini alle persone più adulte; per questo motivo da due anni mi sono proposto di prendere il ruolo di responsabile del settore escursioni della nostra sezione, e sono molto felice di adempiere a questo ruolo perché credo che far conoscere quello che abbiamo a due passi da casa sia una cosa fondamentale per tutti.

Da Dicembre 2016 sono iniziate le mie collaborazioni con riviste come National Geographic Magazine Italia, That’s Italia, Casa in Fiore, InNatura e altre. Alla pagina Publications potete vedere i miei lavori.

Ad agosto 2017 dopo aver frequentato il corso di formazione presso l’ente parco ho ottenuto il titolo ufficiale ed esclusivo di Guida del Parco Nazionale della Sila.

Tra Aprile e Maggio 2019 grazie ad un corso finanziato sempre dall’Ente Parco Nazionale della Sila sono diventato Guida Ambientale Escursionistica associato ad AIGAE e inserito nel registro nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) italiane.

Per me è importante ormai camminare, viaggiare e ad ogni passo andare alla scoperta di me stesso contemporaneamente alla scoperta di ciò che ci circonda. Ormai è inevitabile per me compiere questi rituali, perché camminare per me non è solo uno sport, come diceva Messner: “Camminare per me significa entrare nella natura. Ed è per questo che cammino lentamente, non corro quasi mai. La Natura per me non è un campo da ginnastica. Io vado per vedere, per sentire, con tutti i miei sensi. Così il mio spirito entra negli alberi, nel prato, nei fiori. Le alte montagne sono per me un sentimento.”

In un mondo pieno di cattiveria,  falsi ideali, posso trovare il mio vero senso , il mio vero benessere solo nella Natura, quindi sicuramente una delle citazioni che più mi rappresenta è quella di Thoreau, contenuta nella sua opera Walden, Vita nei Boschi: “Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e per vedere se non fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi, e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto. Non volevo vivere quella che non era una vita, a meno che non fosse assolutamente necessario. Volevo vivere profondamente, e succhiare tutto il midollo di essa, vivere da gagliardo spartano, tanto da distruggere tutto ciò che non fosse vita, falciare ampio e raso terra e mettere poi la vita in un angolo, ridotta ai suoi termini più semplici.”

Io sono innamorato di tutto ciò che ci circonda, dal più semplice filo di erba al più complesso ecosistema esistente; la Calabria possiede un enorme ricchezza, sono rappresentati la maggior parte degli habitat presenti sull’intero pianeta, e la particolare posizione geografica in mezzo al Mediterraneo con catene montuose che arrivano oltre i 2000 m ha fatto sì che qui vi fosse concentrata una grande quantità di specie. Non è raro imbattersi nella nostra regione in particolari endemismi, o in conformazione geomorfologiche uniche, basta mettersi lo zaino in spalla e andare a cercarli, c’è tutto quello che serve per sentirsi bene e rimanere estasiati. Fotografare il paesaggio, la Natura, gli ecosistemi e le specie che li popolano per me , significa trasmettere all’osservatore quello che si pone davanti agli occhi, far trascendere la realtà concreta nell’emotività. Ormai da anni è diventata per me una missione; porre all’attenzione le meraviglie che ci circondano, quella della mia bellissima regione, nel cuore del Sud Italia: la Calabria. Far sentire ognuno a casa propria, farne percepire la magnificenza attraverso gli scatti, promuovere una nascita continua di coscienze ecologiche e rispettose dell’ambiente e di tutto quello che ci circonda. Una costante ricerca di luoghi e di luce, scegliere l’orario adatto per captare al meglio la bellezza delle mete, un costante inseguimento alla scoperta di punti di vista nuovi ed originali, un costante impegno di testimonianza, condivisione e formazione; formazione di sensi di appartenenza, quelli che tutti dovrebbero avere, perchè le cose le si vuole proteggere solo quando si conoscono, ed ecco perchè cerco di far conoscere a tutti quello che è a pochi passi da casa nostra, affinchè tutti possano aver voglia di preservarlo a rimanere sempre tale.

0Shares